sabato 26 dicembre 2020

Filastrocca dell'ora che scocca



Navighiamo costeggiando la montagna
Senza proferire ancora una parola
L'acqua è immobile che ristagna
Rispecchiando i ciuffi rosa dell'aurora.


Il cielo impazzisce di colori
Squarciati da un sussulto di spavento:
Siamo troppo vicini alla roccia, fremono i cuori
Tu cadi morto sul pavimento



Ci risvegliamo come da un sogno
E' troppo tardi per qualsiasi manovra a vela
Di calde lacrime ci sarebbe bisogno
Ma c'è da tener rotta e dovrà sbattere la tela.
                                                                
Si apre alla vista una profonda rada
Sembra la Grecia verde di foreste
E' Rond Island tra Carriacou e Grenada
Piena di correnti e di quel suo mar celeste
  
E' un buon posto, penso, per alzarsi da quel pavimento.



E allora inizio  a nuotare seguendo un pesce azzurro 
Riconosco la tua smorfia nel profilo di un "caurro"
poi mi perdo nei blu chiari
rincorrendo le farfalle dei fondali.

                    Resisto finchè posso                 
Incontro un grosso pesce rosso
Finchè nel ritornare a galla si schiude finalmente il cuore
e non so più se sono lacrime, acqua di mare o grumi di dolore.



Sono a St George  il giorno del funerale 
Una città lontana di muri colorati e vecchi
Mi ritrovo attonita e sconvolta a passeggiare
Mentre al porto attraccano i pescherecci


Mi seggo all'ombra davanti al molo
Stordita dal caldo e stanca
Si siede al mio fianco un uomo solo
con una croce semplice di legno bianca



Con un pennello a inchiostro nero
Dipinge senza guardare l'orologio
Con la malinconia dell'artigiano vero
Una frase d'amore come necrologio


Non è più solido l'Universo dello spazio tempo!
Ancora un sussulto ma più di 
gioia che di spavento
E non so più se sono morta io 
e tu, come in un sogno, me lo stai dicendo
O sei partito tu e io lentamente ti sto raggiungendo



24 commenti:

  1. Annamaria Papadia27 dicembre 2020 00:42

    Tesoro caro e raro...sei bravissima...tocchi l'inconscio con legiadria.
    Ogni corda del cuore e della mente vengono sfiorate come foglie da vento Soave.
    Vi abbraccio con tanto affetto e vi auguro tutto il meglio che l'Universo possa elargire.

    RispondiElimina
  2. Sei diventata una vera poetessa. Auguri di Buone Feste ovunque voi siate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon nuovo anno, che sia di realizzazioni e mietiture

      Elimina
  3. Meravigliosa poesia tantissimi auguri e buon vento naviganti 👏👏👏

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Annamaria, e un augurio di vento in poppa in questo 2021! Alla via così

      Elimina
  4. Che dire Vale è un dipinto iltuo racconto che si srotola con le tue parole.

    RispondiElimina
  5. Sempre bravissima.....splendidi racconti di viaggio...tanti auguri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon anno Danila! Che sia quello in cui i desideri si realizzano

      Elimina
  6. Racconto struggente e forti emozioni come solo tu sai regalare. Buone feste di cuore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon anno di emozioni (lievi) di quelle che gonfiano le vele senza strappare

      Elimina
  7. Bellissime parole un abbraccio e buone feste

    RispondiElimina
  8. Bellissimi racconti! Auguri ragazzi ovunque voi siate! Un abbraccio e a presto!!

    RispondiElimina
  9. Le tue emozioni, adesso in rima,
    sono il regalo più bello che tu possa farci. Grazie Valentina
    Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fatica la rima, non so se ci riesco ancora. Ciao angelaaaa buon anno, di viaggi e musica

      Elimina
  10. Ciao Valentina, è sempre bello leggere le tue poesie. È proprio vero che il tuo talento si sta affinando e vengono fuori cose molto belle. Continua così e regalaci presto nuove emozioni. Un abbraccio.
    Romano🙏🤗🙋‍♂️

    RispondiElimina
  11. tu sei uno dei pochi che può sapere qual è l'ingrediente segreto. Auguri per un 2021 in cui si realizzino i desideri 🤗😉

    RispondiElimina

RICORDATI DI FIRMARE IL TUO COMMENTO